Blog

Se è vero che gli studi legali stanno rispondendo alle richieste del mercato strutturandosi e spesso unendo le forze, altrettanto vero è che lo studio così costituito sta diventando una azienda che richiede altre logiche per essere gestito, ben diverse a quelle a cui per decenni gli studi sono stati abituati. Il mercato business fatto da pmi e da grandi aziende richiede velocità nella risposta, specializzazione, cura e organizzazione per poter gestire adeguatamente la consulenza necessaria alle aziende in una competizione sempre più serrata e globale. Per poter dare queste risposte gli studi hanno organizzato dapprima soluzioni legate ai servizi legali, quindi si sono concentrati nell’accorpare sotto lo stesso brand competenze che potessero abbracciare ampi settori del diritto e offrire servizi che andassero dal contenzioso alla consulenza e per diversi settori dell’economia. Fin qui l’operazione è stata corretta: cercare di dare risposta alle domande.

L’ORGANIZZAZIONE RICHIEDE ATTENZIONE

Ben presto ciò che le strutture venutesi a comporre hanno cominciato a patire è stato il clima interno, lo stress alle stelle, un forte turnover e liti a diversi livelli nell’organizzazione. Pensare infatti a rispondere al mercato è stata la priorità in una prima fase, ma successivamente le strutture organizzate, dove sotto lo stesso tetto convivono diverse anime dello studio, con soci equity, salary, associate, junior e trainee, richiede una gestione e anche buona. Si è palesato in sostanza quella che da sempre è una caratteristica del legale: un forte individualismo e una palese incapacità di fare team. Le conseguenze nefaste di uno scenario di questo tipo sono facili da immaginare: dall’entusiasmo iniziale di una nuova avventura, alla disillusione, fino ad arrivare in alcuni casi alla dissoluzione del progetto professionale comune.

Cosa è mancato? Quale aspetto è stato trascurato e ha prodotto insani conseguenze?

CONTINUA A LEGGERE

L'articolo Lo Studio legale diventa un team: come gestire i collaboratori sembra essere il primo su Euroconference Legal.