Blog

La locazione di fabbricati (definiti come “qualsiasi costruzione coperta isolata da vie o da spazi vuoti, oppure separata da altre costruzioni mediante muri che si elevano, senza soluzione di continuità, dalle fondamenta al tetto, che disponga di uno o più liberi accessi sulla via, e possa avere una o più scale autonome”R.M. 46/1998, Circolare del Ministero dei lavori pubblici del 23 luglio 1960, n. 1820, Circolare 14/E/2015), costituisce, ai fini Iva, una prestazioni di servizi, ai sensi dell’articolo 3, comma 2, n. 1, D.P.R. 633/1972.

Soddisfatti, oltre al requisito oggettivo, anche quello territoriale – fabbricato situato nel territorio dello Stato – e soggettivo – locazione posta in essere da soggetto passivo Iva -, è necessario individuare il regime Iva applicabile, distinguendo tra:

  • fabbricati abitativi, ovvero tutti gli edifici classificati/classificabili nella categoria catastale A, ad eccezione degli A/10 (uffici e studi privati);
  • fabbricati strumentali, ovvero immobili classificati nella categoria B (scuole, uffici pubblici, etc), C (negozi, laboratori, magazzini, etc), D (opifici, alberghi, etc), E (Stazioni per servizi di trasporto, etc) e A/10.

Ricordiamo che, con la circolare 27/E/2006, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che “la distinzione tra immobili ad uso abitativo e immobili strumentali deve essere operata con riferimento alla classificazione catastale dei fabbricati, a prescindere dal loro effettivo utilizzo.

Per quanto riguarda la locazione di fabbricati abitativi, essa è in generale esente Iva ai sensi dell’articolo 10, comma 8, n. 1, D.P.R. 633/1972, salvo l’opzione per l’imponibilità (con aliquota del 10%), consentita solo se la locazione è effettuata dalle imprese costruttrici dei fabbricati stessi o dalle imprese che vi hanno eseguito, anche tramite imprese appaltatrici, gli interventi di cui all’articolo 3, comma 1, lett. c), d) ed f), D.P.R. 380/2001. La medesima opzione può essere esercitata da qualunque locatore soggetto passivo Iva, se la locazione ha ad oggetto alloggi sociali.

La circolare 13/E/2013 ha precisato che sono imprese costruttrici quelle che realizzano l’immobile direttamente con organizzazione e mezzi propri ovvero avvalendosi di imprese terze per la materiale esecuzione di tutti i lavori o di parte di essi, nonché quelle che, anche occasionalmente, costruiscono o fanno costruire immobili per la successiva vendita; sono imprese di rispristino quelle che acquistano un immobile, eseguono o fanno eseguire sullo stesso interventi di recupero, ripristino edilizio o ripristino urbanistico e successivamente lo rivendono o lo concedono in locazione prima della vendita, ancorché tale attività non rientri tra quelle abitualmente effettuate.

Per quanto riguarda i fabbricati strumentali, il regime naturale della loro locazione è l’esenzione Iva, salvo che il locatore non esprima nel contratto l’opzione per l’imponibilità (con aliquota del 22%), vincolante per tutta la durata contrattuale ad eccezione dei seguenti casi:

  • subentro contrattuale come locatore. In tal caso è possibile una modifica del regime Iva applicato, da comunicarsi tramite l’apposito modello “Opzione per l’imponibilità Iva nei contratti di locazione”, approvato con Provvedimento Agenzia delle Entrate 92492/2013 nel caso di passaggio da regime di esenzione a quello imponibilità; nel caso inverso è necessaria la presentazione a mano del modello RLI “Richiesta di registrazione e adempimenti successivi”;
  • modifica della destinazione d’uso dell’immobile con riaccatastamento da abitativo a strumentale, con possibilità di optare per l’imponibilità Iva.

Con riferimento all’imposta di registro:

  • le locazioni di fabbricati abitativi in esenzione Iva scontano l’imposta di registro in misura proporzionale pari al 2% (articolo 5, comma 1, lett. b, Tariffa I, Parte I, allegata al D.P.R. 131/1986), mentre in caso di opzione per l’imponibilità, l’imposta è dovuta in misura fissa (67 euro);
  • le locazioni di immobili strumentali, sia in esenzione sia in caso di opzione per l’imponibilità Iva, sono soggette ad imposta di registro proporzionale nella misura dell’1%.

La base imponibile sui cui calcolare l’imposta di registro proporzionale è data dall’ammontare del corrispettivo in denaro relativo al canone di locazione previsto per l’intera durata del contratto (articolo 43 D.P.R. 131/1986), ad esclusione quindi di eventuali rimborsi spese pattuiti.

Nel caso di durata pluriennale è possibile scegliere se versare l’intera imposta di registro al momento della registrazione del contratto, potendo godere di una riduzione della stessa, o versarla di anno in anno in base al canone annuale pattuito contrattualmente.

L'articolo La locazione di fabbricati tra Iva e imposta di registro sembra essere il primo su Euroconference News.

Contattaci

Hai bisogno di nuovi strumenti per aumentare la produttività del tuo studio?
Chiamaci a questi numeri 0815374534 o 3927060481 (anche via whatsapp) oppure compila il form sottostante, ti ricontattiamo noi
Lo staff di Safio ti aiuterà ad individuare la soluzione più adatta alle tue esigenze

    Accetta la Privacy Policy
    Prova che sei umano selezionando l'icona corrispondente a Casa.