Blog

fatturazione-elettronica-e-commerce-20

E-commerce e fatturazione elettronica: quando e come emettere fattura

Quando un e-commerce è obbligato alla fatturazione elettronica? E quali sono le operazioni da svolgere? Le regole fiscali in questo caso sono diverse: variano infatti in base al tipo di e-commerce, diretto o indiretto, e al cliente, privato o titolare di Partita Iva.

In questa guida scopriremo insieme come fare una fattura elettronica, chi è tenuto a emetterla e quali sono tutte le operazioni da svolgere per inviarla ai clienti di un e-commerce.

Fatturazione elettronica nell’e-commerce diretto.

La fatturazione elettronica è obbligatoria nell’e-commerce diretto, cioè quello in cui si effettua una compravendita di beni e servizi immateriali, ovvero prodotti di natura digitale che non hanno bisogno di supporti fisici. In questi casi l’intera transazione commerciale, quindi la vendita e le consegne, si svolgono tramite via telematica.

Sono beni virtuali ad esempio:

  • la fornitura di testi, dati immagini
  • la fornitura di servizi hosting per siti web
  • il commercio elettronico di software
  • l’insegnamento a distanza.

Nel commercio online e non solo, questo tipo di operazioni sono considerate come prestazioni di servizio e sono soggette quindi all’obbligo di fatturazione elettronica.

Fatturazione elettronica nell’e-commerce indiretto

Diverso è il discorso per il cosiddetto commercio elettronico indiretto. È il caso in cui la vendita avviene tramite canali digitali, ma la consegna si svolge materialmente e l’oggetto della compravendita è un bene fisico. In sostanza assistiamo alla vendita online di un bene materiale. Ai fini fiscali questo tipo di transazione viene trattata come cessione di beni ed è equiparata alle vendite per corrispondenza. Ecco perché l’emissione di fatturazione elettronica nell’e-commerce indiretto non è obbligatoria, ma il cliente può farne richiesta e il venditore dovrà rilasciare fattura tramite il software preposto a questo tipo di operazione.

Con la nuova Legge di Bilancio però l’obbligo di trasmissione delle fatture all’Agenzia delle Entrate da parte dei marketplace e piattaforme di e-commerce potrebbe diventare obbligatoria, indipendentemente dal tipo di prodotto venduto, senza distinzione dunque tra diretto o indiretto.

E-commerce e fatturazione elettronica a un cliente privato

La disciplina delle vendite per corrispondenza si applica anche al campo dell’e-commerce B2C (business to consumer): in questo caso il cliente che acquista prodotti materiali o immateriali in un negozio online è un privato senza Partita Iva e come tale dovrà indicare al momento dell’acquisto il proprio nome e il proprio codice fiscale. Ma essendo un privato consumatore si applica la disciplina delle vendite per corrispondenza: che si tratti di un e-commerce diretto o di un e-commerce indiretto non ci sarà l’obbligo di emissione di fattura elettronica, a meno che non sia lo stesso acquirente a richiederla.

Il proprietario del negozio online, inoltre, non avrà neanche l’obbligo del rilascio di scontrino o ricevuta fiscale, ma sarà tenuto a registrare i corrispettivi giornalieri delle vendite nell’apposito registro, entro il giorno non festivo successivo a quello della conclusione dell’operazione e con riferimento al giorno di effettuazione.
Cosa succede, però, se il privato chiede l’emissione della fattura? L’esercente non potrà rifiutarsi e dovrà emettere la fattura elettronica e inviarla al Sistema di Interscambio.

E-commerce e fatturazione elettronica a clienti con partita Iva

La situazione cambia nel caso di operazioni B2B (business to business), quando cioè l’e-commerce, diretto o indiretto, vende a clienti che sono soggetti titolari di Partita Iva, ad esempio artigiani, imprese e liberi professionisti. In questo caso l’esercente è soggetto all’obbligo di emissione della fattura elettronica da registrare all’interno del registro delle fatture emesse.

Dal 1° luglio 2022, inoltre, l’obbligo di fatturazione elettronica vige anche per gli e-commerce a regime forfettario che nell’anno precedente hanno percepito ricavi superiori a 25 mila euro: in questo caso gli esercenti potranno emettere solo fattura in formato digitale. Sono esenti invece dall’obbligo di fatturazione elettronica fino al 31 dicembre 2023 tutti i titolari di e-commerce con ricavi inferiori a 25.000 euro, che potranno continuare ad emettere fattura cartacea.

Fatturazione elettronica e e-commerce dropshipping

Cosa succede invece con i sistemi di commercio online dropshipping? In generale vale la normativa che si applica a un qualsiasi e-commerce, ma vediamo nello specifico come funziona. Il dropshipping è una modalità di vendita basata su una attività di intermediazione fra cliente e venditore: non sarà suo il compito di gestire direttamente il prodotto, la gestione delle scorte di magazzino è affidata infatti a un dropshipper (o fornitore) che si occuperà della spedizione e dell’evasione dell’ordine. In sostanza lo schema è il seguente: il cliente ordina un prodotto a un venditore che a sua volta inoltra l’ordine al fornitore (dropshipper), pagandolo al prezzo all’ingrosso. Il titolare del dropshipping, quando previsto dalla legge, dovrà emettere fattura elettronica, sia al cliente per i beni venduti, sia al fornitore (fattura di acquisto) per il bene acquistato.

Come fare la fattura elettronica

Nei casi in cui l’e-commerce sia soggetto a fatturazione elettronica, l’esercente dovrà innanzitutto procurarsi un software per l’emissione della fattura elettronica e successivamente redigere e compilare il documento digitale con i seguenti dati:

  • la data di emissione;
  • il numero progressivo che la identifica;
  • i dati fiscali del venditore;
  • i dati fiscali dell’acquirente;
  • il prodotto o il servizio offerto;
  • l’importo;
  • l’Iva;
  • codice destinatario, ovvero l’indirizzo telematico usato da Sdl per riconoscere il destinatario della fattura o PEC.

La fattura verrà emessa e trasmessa attraverso il Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate (SdI), che verifica la correttezza dei dati inseriti obbligatori ai fini fiscali.

È importante, quindi, che la pagina di check-out di un e-commerce contenga i campi di registrazione necessari perché i clienti possano inserire i dati richiesti, laddove la fatturazione elettronica è obbligatoria. Nello specifico, è necessario che i clienti forniscano il proprio indirizzo PEC o Codice Destinatario (chiamato comunemente SDI), che completano i tradizionali dati aziendali (ragione sociale, partita iva, sede legale).

Non tutti sanno poi, che esistono inoltre due diverse tipologie di fattura:

  • fatture elettroniche differite, quelle cioè emesse in data successiva alla conclusione dell’operazione di vendita del bene o del servizio, per esempio a supporto di documenti di trasporto. L’emissione In questo caso la registrazione dovrà avvenire entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.
  • fatture immediate, se invece vengono emesse subito dopo la vendita del bene. Queste devono essere trasmesse al Sistema di Interscambio entro dodici giorni dalla data dell’operazione.

Con Storenden è possibile creare e gestire fatture online e fatture elettroniche (B2B, B2C e PA), in modo semplice e veloce. Ma si possono anche gestire i preventivi, registrare gli acquisti, gestire le scadenze e molte altre funzionalità, comodamente da smartphone. In più si può dare accesso riservato al commercialista che può accedere ai documenti, controllarli e importarli in contabilità. Scopri tutto qui.

Gentile professionista,
piacere di conoscerti

Se desideri ricevere aggiornamenti e suggerimenti sugli strumenti per l'amministrazione dello studio professionale
iscriviti alla nostra newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy policty per avere maggiori informazioni.

Gestionali per studi e uffici professionali

Hai bisogno di nuovi strumenti per aumentare la produttività del tuo studio?
Chiamaci a questi numeri 0815374534 o 3927060481 (anche via whatsapp)
Lo staff di Safio ti aiuterà ad individuare la soluzione più adatta alle tue esigenze

    Accetta la Privacy Policy

    Please prove you are human by selecting the star.